Passa ai contenuti principali

Comunicato sul diritto allo sciopero prima della cancellazione dell'art 18 (Jobs Act)

Il tempo passa, ma la nostra società anzi che evolversi conosce cosiddette "riforme" che sottraggono ai giovani lavoratori i loro diritti, oltre che la speranza di poter condurre una vita accettabile. La cancellazione della Legge 300 e dell'articolo 18 è una tragedia approvata dal Governo Renzi con diversi provvedimenti legislativi tra il 2014 ed il 2015. Matteo Renzi ha anche tentato di introdurre ulteriori regolamentazioni e divieti al diritto di sciopero, nel 2017, ma fortunatamente la camera dei deputati e il senato della repubblica italiana sono state sciolte in attesa di nuove elezioni politiche.
Chiaramente, al reazionario Renzi, ed alla sua amichetta Boschi, non piaceva neppure la Costituzione italiana, ragion per cui abbiamo assistito a vari tentativi di attentare a questi articoli di Legge che regolano la vita democratica degli italiani. Fortunatamente, il 4 dicembre 2016, i cittadini italiani hanno bloccato l'attacco anti-costituzionalista dicendo di no al referendum abrogativo.

COMUNICATO SUL DIRITTO ALLO SCIOPERO 
quattro giorni prima dello sciopero di Bormio del 2005

Si ricorda ai lavoratori ed ai responsabili della Rai che la Costituzione repubblicana del 1948 ha introdotto nell'attuale legislazione italiana il diritto allo sciopero (art. 40) quale forma di protesta democratica, conferendo alle Organizzazioni Sindacali libertà ed autonomia dell’esercizio di tale strumento.

Il singolo prestatore di lavoro può comunque decidere d'esercitare il diritto allo sciopero senza necessità di un consenso sindacale.

La proclamazione di sciopero si attua come espressione di una volontà collettiva che persegue scopi ed obiettivi d’interesse comune ai lavoratori uniti da questa protesta.

L'astensione dal lavoro deve essere collettiva, anche se la sua misura è indeterminabile preventivamente, ma non è indispensabile che la proclamazione venga fatta da un sindacato, in quanto questa azione può essere condotta anche da un gruppo di lavoratori non strutturato o da una coalizione occasionale. Per dichiarare sciopero, nell'ambito delle leggi che lo regolano, è sufficiente definire la categoria di persone interessata a questa azione e l'obiettivo che si intende raggiungere.

Gli articoli 15, 16, 28 della Legge n. 300/1970, già ampiamente infranti dalla Rai di Milano ai danni della nostra O.S. motivo stesso dell’astensione dal lavoro del giorno 9/2/05, prevedono che il datore di lavoro non possa attuare comportamenti discriminatori nei confronti degli scioperanti.

Rendiamo noto che casi di crumiraggio indiretto, quali sostituzioni di scioperanti con altri dipendenti (a TD o provenienti da Sedi esterne a quelle del nostro territorio di competenza) spostati provvisoriamente dal loro normale lavoro o impiegati in mansioni differenti da quelle abituali, verranno attentamente analizzati dalla nostra Associazione Sindacale, e che il ricorso a tali manovre potrebbe essere ugualmente perseguito dai nostri mandatari.

Si invitano i colleghi ai quali venga chiesto di sostituire uno scioperante ad aderire essi stessi all'iniziativa di protesta. WDM

Commenti

Post popolari in questo blog

Avviso di selezione per Impiegati e Assistenti ai Programmi per la RAI TV

USI UR902 Informa che c'è tempo fino al 25 maggio 2018 per iscriversi alla selezione del personale indetta dalla Rai Tv.

Leggi quanto segue che viene riportato da comunicazione interna RAI:  La Rai Radiotelevisione Italiana SpA promuove un'iniziativa di selezione per titoli e prove, finalizzata ed individuare 30 risorse da Impiegare in qualità di Impiegati e Assistenti ai Programmi da inserire in Azienda con contratto di apprendistato professionalizzante, ai sensi dell'art. 10 del CCL RAI per Quadri, Impiegati ed Operai. Si riportano, a seguire, le declaratorie relative alle posizioni ricercate: Impiegato: è incaricato dell'espletamento delle diverse tipologie di attività amministrative. In relazione al livello di competenza può essere preposto ad una area specialistica di attività (a titolo esemplificativo personale, controllo, legale. fiscale) e/o al coordinamento di atri impiegati. Nell’espletamento dei propri compiti si relaziona con i referenti delle varie strutture a…

Opportunità di lavoro in RAI per 10 tecnici laureati

Porto a conoscenza dei nostri lettori che la RAI tv si appresta ad effettuare una selezione per il personale tecnico. Di seguito trovate copia dell'avviso pubblicato dalla RAI.

AVVISO DI SELEZIONE
“TECNICI LAUREATI 2018”
La Rai Radiotelevisione Italiana S.p.A. promuove un’iniziativa di selezione per titoli e prove, finalizzata ad individuare 10 risorse da impiegare nell'area tecnico-produttiva (Tecnici e Tecnici ICT) da inserire in Azienda con contratto di apprendistato professionalizzante, ai sensi dell’art. 10 del CCL RAI per Quadri, Impiegati ed Operai. Si riportano, a seguire, le declaratorie relative alle posizioni ricercate: Tecnico: Il tecnico è incaricato della pianificazione, sviluppo e gestione dell’attività di progettazione, nonché della installazione, esercizio e manutenzione degli impianti ed apparecchiature anche tecnologicamente innovativi; inoltre, provvede direttamente o collabora alla introduzione in Azienda delle nuove tecnologie ed alla identificazione e/o propos…

Opportunità di lavoro in RAI per 40 tecnici diplomati

Porto a conoscenza dei nostri lettori che la RAI tv si appresta ad effettuare una selezione per il personale tecnico. Di seguito trovate copia dell'avviso pubblicato dalla RAI. AVVISO DI SELEZIONE: “TECNICI DIPLOMATI 2018”
La Rai Radiotelevisione Italiana S.p.A. promuove un’iniziativa di selezione per titoli e prove, finalizzata ad individuare 40 risorse da impiegare nell'area tecnico-produttiva (Tecnici, Tecnici della Produzione, Tecnici ICT) da inserire in Azienda con contratto di apprendistato professionalizzante, ai sensi dell’art. 10 del CCL RAI per Quadri, Impiegati ed Operai. Si riportano, a seguire, le declaratorie relative alle posizioni ricercate: Tecnico: Il tecnico è incaricato della pianificazione, sviluppo e gestione dell’attività di progettazione, nonché della installazione, esercizio e manutenzione degli impianti ed apparecchiature anche tecnologicamente innovativi; inoltre, provvede direttamente o collabora alla introduzione in Azienda delle nuove tecnologie ed alla…